Jieh-hen: La sua esperienza all'estero grazie al The Global Study Awards

Jieh-hen di Taiwan ha vinto una borsa di studio all'estero nel 2016, per studiare Scientific Illustration a Maastricht. Nel blog, parla della sua idea dell'uso dell'arte per far sì che i laici comprendano argomenti medici - e di come li ha usati per vincere la borsa di studio del The Global Study Awards.

82FA8EFD8868A6B4B3BD0FCE1F89E9707190D1EF64DF496CAEpimgpsh fullsize distr 900x

1. Come mai hai deciso di studiare all’estero e quali erano le tue aspettative?
La materia che volevo studiare, Scientific Illustration, è insegnata solamente in poche scuole del mondo. Dovevo andare all’estero per poter raggiungere il mio obiettivo e diventare un illustratore che lavora nelle scienze naturali.
2. Perché hai scelto proprio questa destinazione per i tuoi studi?
Il programma a Maastricht è uno dei migliori al mondo. In aggiunta nei musei europei ci sono numerosi capolavori originali. Studiando qui posso viaggiare facilmente ed imparare da loro.

8B0695D19BD4D4FAA4B92D5BE0C34DFA50744BE48C4EA90D83pimgpsh fullsize distr
3. Hai incontrato qualche difficoltà nel processo di candidatura per il tuo percorso di studi all’estero?
Oooooh MOLTE! Sono stato rifiutato da scuole e borse di studio, e quando è successo ho deciso di lasciare il mio lavoro. Ho avuto paura, ma ho deciso lo stesso di lasciare da parte ogni opzione per tornare indietro, quindi mi sono alzato ed ho iniziato a candidarmi. Alla fine sono approdato in una situazione a 5 stelle studiando nel miglior programma disponibile e vincendo il The Global Study Awards.
4. Come finanzi il tuo soggiorno?
Ho risparmiato lavorando per 2 anni come assistente di ricerca psichiatrica. Ad ogni modo solo quello non basta. È stata una fortuna aver vinto il The Global Study Award che mi ha aiutato con le rette universitarie. Anche i miei genitori mi aiutano economicamente.
5. Il The Global Study Awards sono borse di studio che vengono date a studenti che hanno idee su come contribuire al miglioramento della società e all’intesa tra diverse culture. Qual è la visione che porti avanti e che ti ha permesso di vincere uno dei Global Study Awards?
La mia candidatura è focalizzata sulla mia idea di usare l’arte visiva come un mezzo per rendere accessibili le scienze mediche a tutti. L’arte visiva è un ottimo mezzo per abbattere le barriere linguistiche, in quanto permette di visualizzare idee astratte e può parlare per se stessa senza l’ausilio di parole. Miro a creare quel tipo di illustrazione medica che può essere capita da tutti, indipendentemente dal proprio background educativo e culturale. Per me è un diritto importante che ognuno abbia accesso ad un numero sufficiente di informazioni al fine di permettergli di prendere la miglior decisione possibile per se stessi in ambito di salute.
6. Come vivi la cultura olandese? Quali sono le principali differenze tra la cultura olandese e di Taiwan?
Gli olandesi sono molto diretti nelle comunicazioni, ed è una cosa che amo decisamente. Posso andare dritto al dunque nelle discussioni e nelle richieste senza sentirmi obbligato a fare dei convenevoli. È molto liberatorio e permette di essere efficienti.
7. Parli la lingua locale o come riesci a superare le barriere linguistiche?
Gli olandesi generalmente parlano un buon inglese quindi non ho avuto problemi di barriere linguistiche. Ad ogni modo, sto pianificando di iniziare ad imparare l’olandese da dicembre.

B85E2FD122A068016B86092322E87939870C7B83BC0D5F35ACpimgpsh fullsize distr
8. E’ molto differente studiare in Olanda paragonato a studiare a Taiwan?
Il mio programma è basato su un apprendimento per progetti, quindi abbiamo solo compiti e non lezioni. È il paradiso per me non dovermi sedere in classe e poter fare le cose in maniera pratica. Gli insegnanti sono molto amichevoli ed è facile approcciarsi con loro. Danno consigli individuali ad ogni studente, il che è estremamente carino.
9. Ad oggi qual è stata la sfida più grande?
Sto lavorando molto sul mio portfolio personale in modo tale da poter iniziare a guadagnare come illustratore. Essere un artista affamato non è certamente qualcosa che riuscirei a gestire.
10. Quale consiglio vuoi dare agli altri studenti che pensano di studiare all’estero?
Sarà una opportunità fantastica non solo esplorare una diversa parte del mondo, ma anche scoprire i punti di forza con te stesso. Ci saranno sicuramente molto ostacoli prima e dopo essere andati all’estero, ma una volta oltrepassati e raggiunta la propria destinazione, realizzerai quanto effettivamente sei forte.

Copyright: Jieh-hen Tsung

Ritorna alla panoramica
Artikel teilen
Topic:
Studiare All'Estero
Tags:
TGSA; study abroad;

Altri articoli sul tema Studiare All'Estero

  • Box Skating Fotolia 88400516

    Studiare all’estero

    Vorresti andare a lavorare in un’azienda internazionale ma ti manca la necessaria esperienza all’estero? Nessun problema...


Roma: La Città Eterna

ISIC nel mondo